Enrica Crivello identity

Cliente: Enrica Crivello
Progetto:
2017
Enrica Crivello identity thumbnail

Redesign del visual branding per Enrica Crivello, consulente di digital marketing.

Enrica Crivello è una consulente di digital marketing di Torino con le idee molto chiare e un entusiasmo contagioso. Nel 2016 collaborammo per creare l’identità di Guido, la sua libreria online di lezioni video, e oggi ci ha ingaggiato per ripensare il suo personal brand.

Progettare un logo per una persona è sempre una sfida particolare. Si deve condensare in un segno e in uno stile tipografico la personalità e la professionalità di un persona, compito non facile che richiede idee chiare, che appunto Enrica ha. Ci ha fornito spunti molto interessanti, oltre alle fondamentali indicazioni sul suo percorso fino ad oggi e soprattutto quello verso cui tendere con questo progetto di rebranding.

Abbiamo scelto un carattere tipografico nuovo (2016), chiaro e tecnologico, il Rational, adatto al suo core business: il mondo digital. La palette cromatica è brillante e fresca, due caratteristiche chiave nella personalità di Enrica.

Senza-titolo-3
logo
Senza-titolo-2

Il simbolo che abbiamo progettato utilizza le forme geometriche più dinamiche, il cerchio e il triangolo, per diventare un monogramma con le iniziali EC, senza diventare didascalico. Le forme sono libere e riposizionabili per utilizzare al meglio gli spazi.

Senza-titolo-1

Enrica produce molti video e presentazioni per era fondamentale l’applicazione della nuova immagine coordinata sui template di slide e cartelli. Abbiamo creato quindi diversi pattern, tutti basati sul monogramma geometrico per rafforzare il sistema di identità visiva e renderlo coerente in tutte le sue applicazioni.

1

Enrica ha scritto a riguardo un bel post sul suo blog: Cosa vorrei per me stessa

facebook.com/enricacrivello/
twitter.com/jembenton

2
3 4
5
1 (1)
9

Ipse dixit

Emmaboshi studio ha curato l’immagine coordinata, il sito, i banner e tutti gli stampati del Festival Sferracavalli.

C’è sempre stato, dall’inizio alla fine del progetto, uno scambio profondo tra noi e da parte loro l’interesse di trovare un linguaggio sincero e accurato che restituisse la forza del progetto e il nostro sguardo sul festival.

Il successo di Sferracavalli è stato in gran parte legato al lavoro di Emmaboshi che ha sposato il progetto con curiosità ed entusiasmo.