Lagolandia

Cliente: Comune di Camugnano
2014
Lagolandia

Un progetto grafico vintage per la prima edizione di Lagolandia, una due giorni di villeggiatura contemporanea sul lago Brasimone nell’Appennino Bolognese.

Lagolandia è un progetto di valorizzazione dei laghi di Bologna co-promosso dal GAL Appennino Bolognese e dal Comune di Camugnano, in collaborazione con i Comuni di Castiglione dei Pepoli e di Castel di Casio e con le Unioni dei Comuni dell'Alto Reno e dell’Appennino Bolognese.

Logo Lagolandia

L’intero progetto grafico è stato ispirato alla grafica vintage delle cartoline degli anni Cinquanta e Sessanta che riprende il concept dell’evento, cioè una villeggiatura (già dal nome un richiamo al passato) contemporanea (rivista con gli occhi di oggi).

il ritrovamento di una cartolina d’epoca del lago Brasimone ha poi chiuso il cerchio grafico completando il nucleo del progetto grafico.

Cartolina Lagolandia

Oltre alla locandina abbiamo progettato la segnaletica dell'evento, dalle vele, ai totem, ai pieghevoli con la mappa dei sentieri sull'Appennino.

Voglia di vedere un altro progetto?

Fantastico, ti posso proporre

Calibit

Naming, logo e sito responsive per il primo calibro digitale con memoria incorporata, un progetto dei ricercatori di Horticultural Knowledge che semplifica il lavoro di chi lavora nella frutticoltura.

Vai al progetto →

Calibit

Ipse dixit

Siamo molto contenti di aver affidato a Emmaboshi la cura del nostro nuovo sito dello Studio Bettini architetti. 

Non era semplice raccogliere nella stessa cornice ambiti raramente riconducibili a uno studio di architetti, che unisse ai progetti e alle realizzazioni, anche le pubblicazioni scientifiche e uno spazio per la didattica universitaria. 

Emmaboshi ha trovato la giusta cornice cogliendo pienamente il nostro approccio professionale e la cultura che lo anima, con una proposta leggibile e di agile fruizione. Ora non abbiamo solo un sito, ma un libro da sfogliare in rete, di cui le lunghe schede storico-critiche che descrivono i lavori sono la testimonianza più concreta. 

Grazie Emmaboshi!