Divina commedia digitale

Cliente: Mondadori Education
Progetto: Web, Webdesign
2014
Divina commedia digitale

La Divina commedia per iPad progettata come un viaggio in metropolitana: Inferno, Purgatorio e Paradiso le tre linee, i canti le fermate.

Insieme ai nostri partner Formicablu abbiamo avuto l’onore di confrontarci con questo gigante della cultura, nella sua prima versione iBooks per Le Monnier Scuola.

L’idea iniziale è stata quella di usare la metafora visiva della metropolitana per rappresentare il viaggio di Dante all’interno dell'opera e per guidare l'utente a orientarsi nei contenuti.

La mappa orizzontale della Nothern Line di Londra

Illustre esempio: le mappe della metropolitana di Londra

Nel nostro caso lo scrolling era verso il basso per cui lo sviluppo delle mappe è verticale. I colori? Facile: Inferno rosso, Paradiso azzurro, Purgatorio verde; gli stereotipi esistono e aiutano ad orientarsi.

Le tre mappe della Divina commedia

Il layout delle pagine di testo aveva la particolarità di fare coesistere spesso delle note a pie di pagina più lunghe dei versi a cui erano collegate, per cui ne abbiamo tenuto conto in fase di progetto.

Pagina

Le copertine riprendono i colori e le sagome delle linee e sono pensate per essere riconoscibili anche in piccolo formato, ad esempio quando compaiono nello store di Apple.

Copertine

Per maggiori informazioni visita la pagina ufficiale del progetto sul sito Mondadori Education.

 Divina commedia digitale

Voglia di vedere un altro progetto?

Fantastico, ti posso proporre

Moving stool

Un progetto web minimale per il designer Gabriele Pezzini e il suo Moving stool: il secchio diventato sgabello.

Vai al progetto →

Moving stool

Ipse dixit

Pennarelli colorati e foglio bianco, Emanuele. iPad, io. Così al primo incontro, buttando giù idee del progetto grafico di una versione ibook della Divina Commedia. Da lì è partita la nostra collaborazione, nient'affatto analogica alla fine. 

Creatività, disponibilità e capacità di fornire soluzioni funzionali ed eleganti, queste le qualità che più ho apprezzato in quelli di Emmaboshi studio.